Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie. Nietsche

Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie.
Nietsche

domenica 6 marzo 2011

Col San Giovanni

panorama da Monte Setole
Oggi siamo di nuovo sui Lagorai. Negli ultimi giorni è nevicato parecchio e c'è stato anche vento per cui decidiamo per una meta facile e priva di grossi rischi, dato che il bollettino prevede un grado di pericolo da 2 a 3. Il Col di San Giovanni fa il caso nostro. Si trova alla fine della Val Campelle ed è quel caratteristico panettone ben visibile a sinistra del Passo Cinque Croci. Lasciata l'auto nei pressi del rifugio Carlettini spalleggiamo gli sci fino a Ponte Conseria (1471 m) e prendiamo la forestale innevata seguendo le indicazioni per Malga Valsorda I°.
La giornata è bellissima e calda e prevediamo già che la nostra morte sarà una bella crosta non portante. Senza passare per la malga puntiamo direttamente al Passo Val Cion (2073 m – h. 2,00) che si raggiunge dopo aver salito un dolce ed amplissimo pendio. 
Passo Val Cion


Cima delle Stellune con F.lla Valsorda
Dal passo proseguiamo in direzione sud sul filo di cresta fino a raggiungere un elevazione poco prima del Col della Palazzina. Scendiamo qualche metro e saliamo sulla spalla S-O del nostro monte fino a raggiungere la cresta. Ora proseguiamo su questa prestando attenzione alle cornici sul lato E ed in breve raggiungiamo la cima (2251 m – h. 3,00).



la cima
Il panorama è vasto: domina la mole di Cima d'Asta con il suo versante nord, a sud il Cingello e le Buse Todesche, ad ovest la Cima Stellune ed il Montalon. Si è alzato un fastidioso vento e le cime attorno “fumano”, domani il pericolo sarà senz'altro maggiore.
Decidiamo di scendere seguendo la via di salita perchè il pendio ovest oggi non presenta condizioni di sicurezza. Come previsto la neve è pessima, solo sui versanti nord si trova ancora neve farinosa. Passiamo quindi sulla forcella ad S-O del Col della Palazzina ed in breve scendiamo a Malga Valsorda I° visibile sotto di noi. Da qui prendiamo la strada forestale sulla quale è possibile sciare bene e velocemente, tenendo sempre presente i grossi abeti sul bordo! In breve siamo a Ponte Conseria (h. 4,30).
quota partenza
1471 m
quota massima
2251 m
dislivello
792 m
esposizione prevalente
N-O
difficoltà
MS

Nessun commento:

Posta un commento