Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie. Nietsche

Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie.
Nietsche

lunedì 21 marzo 2011

Cima Grappa in MTB


 Km
48
Dislivello
1956 m
Km in salita
21
Pendenza media
9%
Km su sterrato
19 (39%)

Descrivo un bel itinerario in mountain bike sul Monte Grappa fatto nel mese di ottobre con Flavio. E' l'unico che risponde sempre all'appello noncurante delle fatiche che già si immagina.
E' prevista la salita a Cima Grappa (m. 1775) partendo da Crespano (TV) (m. 300), percorrendo la mulattiera della Val della Madonna per poi tornare per la Val di San Liberale con un dislivello complessivo che supera i 1900 m. Questo dettaglio però non lo comunico a Flavio. Siamo sul versante trevigiano del Grappa solcato da profonde valli che gli danno un aspetto selvaggio. Sui principali spartiacque si sviluppano due interessanti itinerari attrezzati: la Via Ferrata dei Sass Brusai e la Via Ferrata Guzzella.
Dal centro di Crespano (di domenica c'è il mercato) saliamo su asfalto in forte pendenza alla chisetta della Beata Vergine del Covolo (m. 575). Proseguiamo sulla mulattiera in direzione nord che con innumerevoli tornanti e pendenza regolare termina alla C.ra Ardosetta (m.1450). Salendo diventa sempre più ampio il panorama sulla pianura veneta. 
sulla mulattiera in Val della Madonna
 Attraversata la strada asfaltata (che percorremo al ritorno) proseguiamo per Cason d'Ardosa fino a mettere le ruote sulla strada che proviene da Semonzo ed in breve siamo al Rifugio Bassano. 
nei pressi di Malga Ardosetta

verso il Cason d'Ardosa

Da qui con la bici per mano percorriamo la gradonata che conduce sulla cima dell'ossario portando il dovuto rispetto ai luoghi sacri (m. 1775 - h. 2.20)
Fatti pochi metri in direzione sud prendiamo il sentiero che scende sulle praterie verso ovest (n. 20) sbucando ancora sulla strada Cadorna che sale da Bassano. Ad un tornante a q. 1546 lasciamo la strada e riprendiamo il sent. n. 20 toccando dapprima il M.te Rivon e quindi in M.te Coston fino a Croce del Termine. Stiamo percorrendo un bellissimo tratto sul filo del lungo crestone con splendida vista sulla pianura e sul versante nord, verso Arsiè.
Raggiunta la località Pra' Pelai si ritorna sulla provinciale 141 che seguiamo in salita (verso Cima Grappa) fino ad un bivio prima di Cason de Meda. Qui svoltiamo a destra e prendiamo la sterrata che passa sopra alla Malga delle Foglie fino ad un bivio a q. 1340, ora dritti (est) e di nuovo in salita, è l'ultima, ma le gambe cominciano a non rispondere più tanto bene. Incrociamo ancora la strada che sale da Semonzo che abbandoniamo al tornante successivo per prendere la strada che conduce al Pian di Balla dopo aver oltrepassato tre brevi gallerie. Ora inzia il tratto più rilassante sulla bella strada asfaltata che segue le dolci ondulazioni prative della Val delle Mure. 
Col della Mandria

Al Cason delle Mure inizia un'altro breve tratto in salita fino a q. 1445 e poi segue la vertiginosa discesa tuttaunacurva lungo la Valle di San Liberale. Gli ultimi chilometri pianeggianti è siamo di nuovo a Crespano (h. 4,30).

Nessun commento:

Posta un commento