Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie. Nietsche

Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie.
Nietsche

domenica 2 gennaio 2011

Cima delle Ofre


Oggi, 2 gennaio, siamo in quattro. Dopo aver perso un po' di tempo al punto di ritrovo per decidere dove andare partiamo alla volta di Passo Xomo per salire sul Pasubio per le "Caneve di Campiaglia". Il nostro progetto si interrompe di fronte ad una slavina sulla strada che collega il passo con l'abitato di Santa Caterina. Così cambiamo meta e ci dirigiamo a Pian delle Fugazze per salire a Cima delle Ofre.



Cima delle Ofre è un'elevazione minore che si trova a ovest del Monte Baffelan, nel gruppo del Sengio Alto. E' l'unica cima del gruppo raggiungibile con gli sci.
Dal Passo Pian delle Fugazze (m. 1162) che mette in comunicazione la Val Leogra, nel vicentino, con la Vallarsa, trentina, si prende la strada di Sette Fontane che conduce a Campogrosso e che in inverno è sempre innevata e ben battuta. Si calzano gli sci al bivio per Camposilvano e fatte poche centinaia di metri si devia a sinistra nel bosco di faggi dove generalmente si trova una traccia che traversa in quota e che si immette sul sentiero per Malga Boffetal. Si arriva presto in ambiente aperto sui pascoli della malga. Dalla malga si continua sulle dolci ondulazioni fino ad un bivio con tabelle. Si abbandona il sentiero per Campogrosso e prende a sinistra la traccia che traversa sotto i pendii settentrionali della nostra cima. Dopo pochi minuti si comincia a salire a destra (nord) puntando un breve e ripido canalino (il primo a destra) fino ad arrivare con strette zeta ad una selletta. Questo versante va percorso con neve assestata. Dalla selletta si prosegue ora facilmente verso est (sinistra) sull'ampia cresta fino alla cima. E' visibile la catena del Sengio Alto con il Monte Cornetto e Monte Baffelan e, a ovest, tutto il Carega e la catena delle Tre Croci.
La giornata qui è splendida, sotto di noi un fantastico mare di nebbia dal quale sorgono come isolotti le cime attorno a noi.

La discesa si effettua lungo l'itinerario di salita. Essendo il pendio rivolto a nord è facile trovare neve farinosa e godere così di una bella sciata. 

quota partenza:  m 1162 - quota massima:   m 1780 - dislivello:  m  618 
esposizione prevalente: N - difficoltà: BS

            Nessun commento: