Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie. Nietsche

Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie.
Nietsche

sabato 19 febbraio 2011

Cima Paradisi

Negli ultimi tre giorni ci sono stati considerevoli apporti nevosi, fino a 50 cm nelle dolomiti e 70 cm nelle Prealpi Vicentine a 1400 m di quota. Abbiamo quindi scelto l'itinerario descritto perché garantisce una totale sicurezza e si presta ad essere effettuato appunto dopo copiose nevicate. Presenta però un inconveniente non da poco e cioè si svolge per tre quarti nel bosco, solo la parte finale verso la vetta offre grandi spazi liberi e un panorama notevole.

sullo sfondo Cima d'Asta

Parcheggiata l'auto al Rifugio Refavaie (m 1105), che si raggiunge provenendo da Canal San Bovo e Caoria costeggiando il Torrente Vanoi, prendiamo le indicazioni per M.ga Fossernica seguendo una strada forestale fino ad un capitello (m 1250).

sabato 12 febbraio 2011

Cima San Cassiano

Da un po' di tempo si parlava di visitare la Val Sarentino, a detta di molti il paradiso degli scialpinisti. Decidiamo così di salire alla Cima San Cassiano che presenta un versante settentrionale sul quale speriamo di trovare buona neve.Lasciata l'auto al parcheggio di fronte al chiosco delle informazioni turistiche (il divieto di accesso impedisce di arrivare al lago) raggiungiamo a piedi il lago di Valdurna (200 m) e seguendo la sua sponda settentrionale lungo la strada raggiungiamo l'albergo Fischerwirt. Il tempo è bello ed il clima fin troppo mite. 
il Lago di Valdurna



domenica 6 febbraio 2011

Cima Nàssere

Cima Nàssere, denominata anche Croz di Conseria, si raggiunge dalla Val Campelle ed è ben visibile salendo lungo la strada per Ponte Conseria. 
panorama da Monte Setole
Da Borgo Valsugana si prende la strada per il Rifugio Crucolo e si prosegue fino a raggiunge il parcheggio nei pressi di Ponte Conseria (m. 1480). Oggi, grazie alla giornata molto bella, molti hanno fatto la nostra stessa scelta tanto che parcheggiare l'auto è un'impresa. Le mete che si possono raggiungere da qui sono molte: verso il Passo Cinque Croci, le Buse Todesche, il Montalon. Noi prendiamo la strada forestale che conduce a Malga Nàssere spalleggiando gli sci per qualche centinaio di metri.