Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie. Nietsche

Chi sale sui monti più alti ride di tutte le tragedie e tragicommedie.
Nietsche

domenica 3 gennaio 2010

Col di Poma



Oggi fa molto freddo, l'intenzione era quella di salire a Cima Bocche da Paneveggio, ma un amico ci aveva avvertito che avremmo trovato una crosta ghiacciata su tutto il pendio al sole. Optiamo quindi per la Val di Funes, anche se per noi non è proprio fuori porta, dove siamo certi di trovare polvere. Ieri, sabato, è nevicato.
Usciti dall'autostrada a Chiusa ci inoltriamo nella Val di Funes, dopo qualche chilometro già appaiono le guglie delle Odle. Lasciamo l'auto al parcheggio a pagamento di Malga Zannes (m. 1685). La giornata è radiosa e gelida: 18° sotto zero. Velocemente calziamo scarponi e sci, tuttavia in pochi secondi le mani sono gelate. Partiamo a razzo sperando di scaldarci. 


Dal rifugio Zannes si prende la strada forestale innevata (segn. n. 33) che sale in direzione ovest. Ad un tornante si prende a sinistra (direzione M.ga Busa – Kasseril) tralasciando le indicazioni per Rifugio Genova. Noi infatti saliremo il versante nord del monte, molto più sicuro e con neve polverosa. Dal rifugio Genova, che si trova sul versante sud, la pendenza è maggiore ed il manto nevoso meno stabile. Salendo il panorama sulle Odle è fantastico. La via da seguire è sempre evidente, non ci si può sbagliare. Si segue la traccia a fianco di una staccionata e dopo un breve strappo si arriva alla Malga Busa. Ora siamo in ambiente aperto e assai scenografico. Si risale l'ampio vallone all'ombra del Col di Poma che abbiamo a destra e con un ampio arco verso sud si arriva alla cresta est ed in pochi minuti sulla vetta (m. 2422 – h. 2.00).
Non possiamo stare troppo in vetta a causa del freddo ed il vento, debole ma fastidioso.
Scendiamo per dove siamo saliti. Per tutto il percorso troviamo 20-30 cm di polvere del giorno prima, e con questo è detto tutto. Ci fermiamo nuovamente a Malga Busa a prendere il sole e poi giù per gli ultimi pendii e lungo la strada sulla quale si scia benissimo, stando però attenti ai numerosi escursionisti, fino a Zannes (h. 2,50). 

quota partenza:  m 1685 - quota massima:   m 2422 - dislivello: m  737

esposizione prevalente: N - difficoltà: MS

Nessun commento:

Posta un commento